Roberto D’agostino la sua – Roma Santa e Dannata- all’istituto di cultura italiano di Londra

LondonONEradio Roberto Dagostino roma santa e dannata

Londra ( P.B.O) Il documentario “Roma, santa e dannata”, scritto da Roberto D’Agostino insieme a Marco Giusti e diretto da Daniele Ciprì, traccia una connessione diretta tra il lavoro giornalistico di D’Agostino su Dagospia e il ritratto delle dinamiche sociali e politiche di Roma. Attraverso il concetto di “cafonal”, D’Agostino si immerge da decenni nel mondo dei nuovi ricchi e dei potenti aspiranti, rivelando gli intrecci tra potere politico, imprenditoriale e sociale romano, evidenziati soprattutto durante gli eventi mondani e i festini notturni.

Il documentario esplora la fondamentale importanza della gastronomia e del lusso nel consolidamento e nella trasmissione del potere nella capitale, sostenendo la tesi che Roma sia una città intrinsecamente pagana, dove gli eccessi edonistici si mescolano costantemente con elementi sacri, mantenendo saldo il controllo politico ed economico. Sebbene gli anni di Silvio Berlusconi rappresentino un apice di questo fenomeno, il documentario suggerisce che tale tendenza sia radicata ancor prima, sin dagli anni Settanta.

Con un focus su personalità romane famose e influenti, oltre a individui che hanno avuto un ruolo chiave nella vita notturna della città, il documentario mostra come alcuni stranieri famosi abbiano fallito nel penetrare i meccanismi di potere romani a causa della mancanza di adeguamento. Attraverso testimonianze e racconti, emerge una visione vivida e reale di Roma, ritratta come una città che non dorme mai, in cui la voglia di festeggiare è incessante e in cui la vita notturna è centrale nel tessuto sociale.

“Roma, santa e dannata” offre un racconto dei recenti 40 anni della storia italiana attraverso la lente della vita notturna romana, spiegando e contestualizzando molti degli avvenimenti cruciali di questo periodo.

Il documentario si propone di mettere in evidenza l’estrema centralità di ciò su cui D’Agostino ha sempre concentrato la sua attenzione giornalistica. Con il calare delle tenebre, il documentario offre uno sguardo penetrante su segreti, misteri e intrighi, raccontando una Roma che, come affermato da Fellini, è un “immensocimitero brulicante di vita”.

Desktop only