40 anni fa gli Iron Maiden cambiavano la storia del metal con “The Number of the Beast”

Londonone radio sky

Londra- Il 22 marzo 1982 40 anni fa gli Iron Maiden cambiavano la storia del metal con “The Number of the Beast” .  Un disco capolavoro, che avrebbe cambiato le sorti del gruppo che vedeva per la prima volta alla voce Bruce Dickinson , diventando uno dei dischi più celebri di sempre, punto di riferimenti per generazioni di amanti del rock quello duro.

Con quel disco ci fu proprio una rivoluzione all’interno della band, partendo dal cantante fino ad arrivare alle nuove sonoritá.

Fatto fuori il cantante Paul Di’ Anno, dei primi due dischi, arriva nel gruppo, direttamente dai Samson, una voce completamente diversa: Bruce Dickinson.

Londonone radio sky

Peronalitá e caratteristiche diverse sulla voce e sull’aspetto fisico: Di’ Anno, con un’impostazione blues, fa dell’interpretazione innervata da una certa rabbia, la sua cifra stilistica, Dickinson ha un’ugola prodigiosa, con un’estensione formidabile che, in virtù dei suoi acuti, lo porterà a essere soprannominato “Air Raid Siren”.

Il disco era composto da  8 brani traccia le coordinate di buona parte del classic metal di metà anni 80.

Dall’apertura travolgente di “Invaders” alla chiusura con la drammatica “Hallowed Be Thy Name“, è una cavalcata esaltante. Il tutto sotto la produzione del mitico Martin Birch (già con i Deep Purple)

I momenti iconici sono svariati: il lento dalle atmosfere sulfuree “Children of the Damned“, “The Prisoner” ispirata dall’omonima serie tv anni 60, “22 Acacia Avenue“, che riprende la vicenda di “Charlotte the Harlot” narrata in un pezzo dell’album di debutto.

E poi “The Number of the Beast“, e “Run to the Hills“,  poi Clive Burr, in questo disco  alla sua ultima apparizione: dall’album successivo, “Piece of Mind”, sarebbe stato sostituito da Nicko McBrain, in una formazione che sarebbe rimasta stabile fino al 1990.

 

Se lo sentiamo ancora oggi sembra scritto ieri, un successo che ha lasciato un segno indelebile e ha consegnato gli Iron Maiden alla storia e al mito mondiale

Desktop only